How Italy Has Changed My Life | Come l’Italia Ha Cambiato La Mia Vita (EN|IT)

This blog is written in both Italian and English. Scroll below for the piece in Italian. Questo blog è scritto in Italiano e Inglese. Scorri giù per leggere in Italian.

Italy: Rome, Venice, Milan, Florence, Palermo, Cinque Terre, Naples, Verona, Amalfi, Bologna. The names of cities we see on Discovery channel and only ever dream to immerse ourselves in its history and culture. Italy is a place where, from the moment I arrived, I felt like I was coming home for the first time. Italy is a place where everything seems a bit more magical than your ordinary day-to-day. Maybe that seems like a cliché, but there is something special about hearing the Italian language around you. It is almost like a song that comes out of each mouth. There is something special about how to feels when the warmth of good espresso touches your lips when you wake up in the morning. No matter where you are in Italy, there is something special about how it feels to take a look out your window, whether it is cobblestone streets, the Vespas zooming by, seeing the mountains from your bedroom, or any of the things that make Italy seem like out of a fairy-tale land, that brings on a magnificent feeling. I can honestly say that after living in this beautiful and crazy country for so much time, I feel like it has truly changed me. Perhaps that is why I keep coming back, because with each flight that lands in Rome or Milan, I find my life, my future, and feelings about who I am are becoming more clear.

ANIX6636.JPG

The worst feeling is coming home. In addition, the feeling that comes a month prior to leaving and realizing there is not a lot of time left. Unless you’re like me and you realize this about 3-4 months before you leave and start to cry after too many glasses of wine because you’re not ready to go back home (true story). I would like to talk about this word for a moment – home. Many people might imagine home as a place where you have your family, or even where you have your friends. Over time I have come to realize that home is not a destination but more of a feeling. Home is the place where I have found comfort and people who care about me. Home is where I can feel safe. The more experiences I have abroad the more I realize that I feel a sense of home and belonging throughout all of Italy. It is in the smiles of the Italians who live here, and the “tranquillas,” “piano-pianos,” and the “ci stas.” Embedded in every house and condominium with their overflowing green gardens on their balconies, and in all of the small streets and lakes and seas and oh, it is in the mountains. It is definitely in the mountains.

DSC_0031.JPG

As I said, the idea of leaving home is deeply saddening for me, although I miss my family in America dearly. When I think about my experiences abroad and how it feels when I am about to leave, or how I feel when I remember a memory from a time abroad, I think about this particular feeling that I think most people feel from time to time. I had this feeling on the bus ride home one day and it is the only way I can describe memories locked in time or the fleeting moments before leaving a place you love so dearly. It is a feeling I have often in new places and cities.

Imagine you are on a bus or train. Peeking through the trees and the houses that whip by so fast there is something beautiful happening beyond your sight. Maybe it is the mountains, a sunset, or the Mediterranean Sea. You search quite rapidly for a break in the trees to see what lies beyond, while houses and trees pass by and obstruct your view. You try to paint a picture with your mind of the mountains, and the way that the sunlight reflects off their snowy tops, refracting through the fog during a sunset. Finally, like a moment when fresh cold air enters your lungs in the winter, for a split second, you see the bright fiery orange that is illuminating the cold sky, adding warmth to the scenery, and caressing the tops of the blizzard-like mountains. The trees and the houses start to obstruct your view again. That is how it feels to think about a part of your life abroad that seems unattainable. That is how it feels to think about what will happen when it is all over. A fleeting, perfect and beautiful moment.

DSC_0018.JPG

This blog is supposed to be about how Italy has changed me, but it is honestly too difficult to put into words. With each passing day, I discover more about myself. I understand how to be a little bit more alone. I have started to discover my passions, where I see my future, and what I hope to be. Although, this piece of my Italian life puzzle is still a little unclear. I struggle, often. I ask myself; How did I spend this much money in one month? How could I have been so stupid to receive a fine for not paying the bus ticket? How can I organize my time well enough and get enough sleep to do all of the things I want to do? How am I going to remember Italian when I return home if I still struggle with grammar four months into my experience?

DSC_0096.JPG

Through all of my struggles, I learn. Something I have said for most of my life. “The universe strikes you at your weakest points because that is what most needs strengthening.” That quote by Chris Prentiss has never been truer than when I am in Italy. Through language barriers, heartbreaks, anxiety attacks, crying, homesickness, teaching stress, and sleepless nights it is hard to see the accomplishments and small victories while living abroad. There has been, however, a shift. In my ability to communicate, my ability to learn Italian, to heal my broken heart, to settle my anxious mind, to smile (a lot!), to find a home in my new host family, to have teaching breakthroughs, to watch my students learn and grow, and days where I feel like I am relaxed and accomplished. A year ago I wrote, “In 20 years, I would like to look back on 2017 and remember it as a time of change, accomplishment, adventure, and fullness. My ultimate goal of 2017 is to be myself and learn to be alone.” I am happy to say that looking back on the year I can confirm this to all be true. Thanks Italy, you showed me my true self.

JMCG5333.JPG

~~~~~Inizia l’Italiano!~~~~~

L’italia: Roma, Venezia, Milano, Firenze, Palermo, Cinque Terre, Napoli, Verona, Amalfi, Bologna. I nomi delle città che vediamo su canale Discovery e solo in cui sogniamo di immergerci nella storia e la cultura. L’italia è un paese dove, dal primo momento che sono arrivata, ho sentito che sono arrivata a casa per la prima volta. L’italia è un paese dove tutto sembra un po’ più magico dei giorni normali da qualsiasi altra parte. Forse sembra un cliché, ma c’è qualcosa di speciale quando senti la lingua italiana intorno a te. È quasi come una canzone che viene dalla bocca degli italiani. C’è qualcosa di speciale quando il calore di  caffè espresso buono tocca le tue labbra quando ti svegli alla mattina. Non importa dove sei in Italia, c’è qualcosa di speciale quando guardi fuori dalla finestra,  sia se guardi le strade di ciottoli, le vespe che passano velocemente, le montagne dalla tua camera, oppure qualsiasi altra cosa che rende l’Italia come una fiaba o una terra da favola. Posso dire, onestamente, che dopo aver vissuto in questo bellissimo e pazzo paese per tanto tempo, sento che questa esperienza e questo paese mi ha cambiato. Forse questa cosa è la ragione perché torno spesso. Perché con ogni volo che atterra a Roma o Milano, trovo che la mia vita, il mio futuro, e la mia persona diventa più chiaro.

ESUY6018.JPG

        La sensazione peggiore è quando devo tornare a casa. Quella sensazione è quello che viene un mese prima di partire, quando realizzi che non c’è più tanto tempo. Se sei come me, realizzi questa sensazione circa 3-4 mesi prima di partire e cominci a piangere dopo troppi bicchieri di vino perché’ non sei pronto per tornare a case (è una storia vera, ti giuro). Vorrei parlare di questa parola per un momento – “casa.” Molte persone immaginano “casa” come un posto dove c’è la tua famiglia o anche dove ci sono i tuoi amici. Col tempo, ho realizzato che “casa” non è una destinazione ma una sensazione. “Casa” è il posto dove trovo benessere e le persone che mi vogliono bene. “Casa” è dove posso sentire sicurezza. Nelle esperienze che vivo all’estero, realizzo un “senso di casa” e che appartiene in tutta l’Italia. Questa sensazione è nei sorrisi degli italiani che vivono qui, e quando sento “tranquilla,” “piano piano,” e “ci sta.” Sono frasi bellissime per me che sento spesso. Questa sensazione è incorporata in ogni casa e condominio che sono pieni di giardini verdi sui balconi, e tutte le strade piccole, i laghi, i mari…è anche nelle montagne. È definitivamente nelle montagne.

DSC_0033.JPG

        Come ho detto prima, l’idea di tornare a casa è veramente triste per me, anche se mi manca la mia famiglia in America. La sensazione che provo quando penso alle mie esperienze all’estero, è simile alla sensazione che sento quando sono quasi pronta per partire, oppure quando ricordo tempo in Erasmus.  Penso a questa sensazione particolare che forse molte persone sentono ogni tanto. Ho avuto questa sensazione un giorno quando ero sull’autobus per andare a casa. È l’unico modo con cui posso descrivere i ricordi che sono bloccati nel tempo oppure i momenti fugaci prima di partire dal paese che si è amato. È una sensazione che mi sento spesso quando sono nei nuovi posti e nuove città.

        Immagina che sei sull’autobus o treno. Sbirciando tra gli alberi e le case che passano velocemente c’è qualcosa di meraviglioso che sta succedendo oltre la tua vista. Forse ci sono le montagne, un tramonto, o il mare Mediterraneo. Cerchi rapidamente una pausa negli alberi per vedere cosa c’è dietro, nel frattempo le case e gli alberi passano e ostacolano la tua vista. Provi a dipingere con la tua mente delle montagne, e il modo che la luce del sole riflette sulla neve, rifrange attraverso la nebbia durante il tramonto. Infine, ti senti come quando l’aria fresca entra dentro i tuoi polmoni durante l’inverno. Per una frazione di secondo vedi il colore arancione che è luminoso come un fuoco che illumina il cielo freddo, aggiungendo il calore alla panorama, e accarezzando le cime delle montagne. Gli alberi e le case cominciano a ostacolare la tua vista un’altra volta. Questa sensazione è come ci si sente quando pensi a una parte della tua vita che sembra irraggiungibile. Questa sensazione è come ci si sente quando pensi a cosa succede quando è tutto finito. Un momento perfetto, bellissimo, e fugace.

DSC_0022.JPG

        Questo blog dovrebbe parlare di come l’Italia mi ha cambiato. È onestamente troppo difficile trovare le parole. Con ogni giorno che passa, scopro di più su me stessa. Capisco come essere un po’ di più da sola. Ho cominciato a scoprire le mie passione e il mio futuro. Comunque, questo pezzo del puzzle della mia vita italiana non è ancora chiaro. Mi sforzo, sempre…in generale. Mi chiedo: Come ho speso tanti soldi in un mese? Come ho potuto essere così stupida da ricevere una multa per non aver pagato il biglietto dell’autobus? Come posso organizzare il mio tempo abbastanza bene e dormire abbastanza per fare tutte le cose che voglio fare? Come ricorderò la lingua italiana quando torno a casa se mi sforzo sempre con la grammatica dopo quattro mesi?

        Nonostante i miei sforzi, imparo. È qualcosa che dico da quasi tutta la mia vita. “L’universo ti colpisce nei punti più deboli della tua vita perché sono quello che hanno bisogno di più di essere rafforzati” Questa citazione di Chris Prentiss è sempre più vera quando sono in Italia. Durante le barriere linguistiche, mal di cuore, attacchi d’ansia, le lacrime, nostalgia di essere a casa, lo stress dell’insegnante, e notti di insonnia, è difficile vedere le realizzazioni e le piccole vittorie che ho fatto durante questo tempo all’estero. C’era, comunque, un movimento, uno spostamento…Nella mia abilità di comunicare, la mia abilità di imparare italiano, per guarire il mio cuore rotto, per calmare la mia mente ansiosa, per sorridere (spesso!), per trovare la sensazione di casa nella mia famiglia nuova che mi ospita, per le scoperte di un insegnante, per guardare i miei studenti imparare e crescere…e anche i giorni quando mi sento rilassata e compiuta. Un anno fa ho scritto” Fra 20 anni, vorrei ricordare il 2017 come un tempo di cambiamento, realizzazione, avventura, e abbondanza. Il mio obiettivo finale del 2017 è che voglio essere me stessa e imparare a come essere da sola.” Sono felice che dopo un anno posso confermare che tutto è la verità. Grazie mille Italia, mi ha mostrato il mio vero io.  

NKBQ7723.JPG

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s